A Rifredi nasce Tebas Land: incontro ravvicinato di quale tipo?

Tebas Land, prima nazionale con cui si è aperta a Firenze la stagione 2019/2020 di Pupi e Fresedde-Teatro di Rifredi Centro di Produzione Teatrale, catapulta lo spettatore in quel luogo / non luogo in cui il teatro è, prima di ogni altra cosa, un ganglio di interrogativi, un fascio di nervi creativi, una domanda continua di chiarezza e messa in discussione, tra Pirandello, Joyce e Capote. Senza dimenticare Dostoevskij, Mozart e gli U2!

03 tebasIl testo è dell’autore franco-uruguaiano Sergio Blanco, uno dei grandi nomi emergenti della drammaturgia internazionale, e trae spunto e ispirazione dal mito di Edipo, dalla vita di San Martino, martire nel nome della verità, e da un immaginario fatto di cronaca giudiziaria il cui protagonista è un giovane parricida di nome Martino.

ciroLa vicenda è raccontata con una struttura narrativa che si muove per espansione dall’apparente claustrofobia del recinto del campetto di basket di un carcere, dove si trovano a parlare il giovane reo e il drammaturgo che vorrebbe portare in scena la sua storia (sorta di personaggio in cerca d’autore e, viceversa, di autore in cerca del personaggio), fino al varco, anzi ai varchi che si dischiudono nel momento in cui il testo si concentra sulla relazione che, di colloquio in colloquio, necessariamente si instaura tra scrittore e detenuto.

samueleIl tutto a stretto contatto con gli spettatori, sullo stesso piano fisico degli interpreti. Luogo / non luogo, appunto. Scena e verità. Tra palco e realtà, direbbe Ligabue.

La mano di Angelo Savelli, che di questo spettacolo ha curato traduzione, scene, costumi e regia, unita al mix di relativismo, eccentricità di visioni e policentrismo dei singoli personaggi, spacchettati ciascuno nella sua stessa essenza a partire dal martire, si unisce alla bravura degli interpreti Ciro Masella e Samuele Picchi, creando una miscela a suo modo esplosiva e implosiva.

02 TebasLo abbiamo in parte già scritto. Qui, in questo Tebas Land, c’è tutta la tensione dell’Ottocento e del Novecento nell’incessante interrogarsi sui limiti, mai concretamente accertati e accettati, di una rappresentazione del mondo che può essere indifferentemente documentario, fotografia, finzione, tradimento artistico della realtà. E qui nasce l’esplosione.
Quando poi tale patrimonio di temi e sfumature si applica ai singoli personaggi e ai loro interpreti (Maschere? Se stessi? Demoni? Angeli? Altro?) si genera una deflagrante implosione, che ha il pregio di ricordare allo spettatore che ben poco vale il teatro se non sa o non vuole mettersi in gioco in ogni momento, per ciascuna sera e all’interno di ogni singola rappresentazione.
E l’implosione attraversa mille temi: paternità, amore, disagio, creatività, letteratura, sfide, amicizia, complicità, vergogna, orgoglio, paura, tatto e contatto fisico e spirituale, il teatro stesso. Il fascio di nervi creativi, dicevamo.

01-Tebas land_Samuele Picchi_Ciro Masella ©MarcoBorrelli_04052019_DSC09344E poiché la comprensione o anche solo l’avvio della riflessione meglio si ottengono toccando con mano o, comunque, vedendo di persona la mutevole natura e i dirompenti percorsi che possono compiere sia la vita sia la finzione scenica, ecco che la tragedia, le emozioni, i dubbi, le passioni e le fagocitanti ambiguità del testo di Blanco si evolvono in uno spettacolo che concretamente si monta e si smonta – ergo, vive – in diretta, in un on line teatrale da accogliere come un ottimo investimento intellettuale e in un plurimo incontro ravvicinato il cui tipo resta fascinosamente un mistero ancora e sempre da svelare.

Tebas Land, di Sergio Blanco. Traduzione, scene, costumi e regia Angelo Savelli. Con Ciro Masella e Samuele Picchi. Assistente e figurante Pietro Grossi. Luci Henry Banzi. Allestimento scena Lorenzo Belli, Amedeo Borelli. Esecutore al pianoforte del brano di Mozart Federico Ciompi. spettacolo a posti limitati.
Fino a domenica 27 ottobre (feriali ore 21- venerdì 11 ore 18 – domeniche ore 16:30 – lunedì e martedì riposo). PRIMA NAZIONALE. Pupi e Fresedde-Teatro di Rifredi Centro di Produzione Teatrale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*