Alla Biennale di Venezia: arte e sostenibilità con Christian Olstand

Christian Holstad, Cornucopia (Low tide), 2019, collage realizzato dall'artista per il progetto, Courtesy the artist

Quando l’arte incontra la sostenibilità. Anche alla Biennale di Venezia salvare il mondo è un dovere.

unnamedAl Padiglione Italia è una grande installazione dell’artista statunitense Christian Holstad che, invitato da Milovan Farronato, ha ideato un’opera ispirata al tema della protezione dei mari dall’inquinamento dei rifiuti plastici.
Consider yourself as a guest (Cornucopia) questo il nome dell’opera, è stata vista  presso l’Università Ca’ Foscari Venezia, dal 9 all’11 maggio e sarà visibile sulle acque del Canal Grande fino al 12 giugno 2019 presso il cortile dell’ateneo.

Main sponsor  del  progetto e di Padiglione Italia è FPT Industrial produzione di motori unnamed (1)marini che si dedica al mondo dell’ambiente anche con l’impegno concreto rivolto alla sostenibilità e alla tutela ambientale, soprattutto dei mari.
Da aprile 2019, infatti, FPT Industrial è partner del progetto europeo Clean Sea Life, che promuove attività di sensibilizzazione volte alla tutela dei mari dall’inquinamento dei rifiuti.
Nel 2018 le iniziative pilota di Clean Sea Life hanno visto il coinvolgimento di dodici pescherecci di San Benedetto del Tronto che, in una sola giornata di lavoro, hanno “raccolto” dal mare 385 kg di rifiuti, dimostrando come sia necessaria la diffusione di unnamed (3)buone pratiche intorno a questo tema.

“Si tratta di progetti di sensibilizzazione che riteniamo doverosi per una azienda come la nostra – dichiara Carlo Moroni, Head of Communication di FPT Industrial – che da sempre investe in ricerca con l’obiettivo di produrre motori all’avanguardia, sostenibili e rispettosi dell’ambiente. L’installazione di Holstad e la sponsorship del Padiglione Italia sono un modo per consolidare ulteriormente il nostro impegno, per sostenere la produzione culturale e per rendere omaggio a Venezia, città che in assoluto rappresenta l’influenza dell’acqua unnamed (2)sulle nostre vite”.

Invitato da Milovan Farronato proprio per la sua attenzione ai temi del consumo e il suo effetto sul mondo, Christian Holstad ha immaginato un’opera site specific, ispirata dalle continue notizie sul crescente inquinamento dei mari e degli oceani di tutto il mondo.

Una cornucopia, simbolo antico di fortuna e di abbondanza, prodotta interamente con rifiuti plastici, diventa l’occasione per riflettere sull’urgenza di affrontare l’inquinamento dei nostri mari. Il significato classico di questa unnamed (5)immagine iconica viene così stravolto dall’artista, acquisendo un inedito senso negativo di “eccesso.

“Un mio vicino di casa aveva appeso alla porta un cartello con scritto ‘Considerati un ospite’. Per anni ho visto ogni giorno quella frase, che è diventata per me come un mantra inconsapevole”, racconta Christian Holstad. “La nostra dipendenza dalla plastica non è sostenibile. I suoi effetti si stanno espandendo nei nostri continenti e nelle nostre acque. Consider yourself as a guest (Cornucopia) è una riflessione sull’impatto che abbiamo sul pianeta e sul nostro ruolo di consumatori che alimentano questa crescente massa di plastica”.

Consider yourself as a guest (Cornucopia) mira così a sensibilizzare il pubblico, in modo chiaro e immediato, letteralmente “portando a galla” un problema di assoluta attualità, non lasciandolo nascosto nei fondali del mare.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*