Check point bus turistici Firenze Sud. Una vergogna continua

Siamo tornati un anno dopo ai nostri servizi video-shock al check point bus di Firenze Sud per vedere se qualcosa era cambiato. Sfortunatamente  no. Incuria e degrado ad accogliere i turisti ieri come oggi.

20190802_104011Un anno fa dopo molte segnalazioni di residenti e lavoratori abbiamo fatto molti sopralluoghi al check point di Firenze Sud un isola di degrado assoluto, ma in realtà primo impatto con Firenze per i milioni di turisti che tutti i giorni arrivano in città in bus.

Fu per primo un giovane lavoratore della cooperativa che aveva in appalto la pulizia dei bagni a parlarci.
“Mi vergogno – raccontò al nostro redattore – qui arrivano migliaia di persone ogni giorno 20190802_104058e io devo stare a pulire solo mezz’ora la mattina e mezz’ora la sera sennò i miei capi mi rimproverano”.
Ma come è possibile obiettammo pulire quei bagni, peraltro ampi, con così poco tempo e così tanto afflusso di persone?
“Vero, infatti mi vergogno per quello. Se pulisco davvero mi rimproverano. Devo correre e così non posso pulire davvero. Solo mezz’ora al mattino e mezz’ora la sera io trovo molto sporco ovunque che ci vorrebbero due ore! Poi ho rischiato anche di prendere una coltellata perchè lì ci sono gli 20190802_104124zingari che vogliono essere padroni deli bagni. Io pulisco e metto la carta e loro la tolgono e la rubano per venderla a strappi ai turisti”.

Quasi un racconto surreale anche per il cronista più smaliziato e così ci siamo andati davvero al check point e abbiamo realizzato i video che trovate allegati a cui c’è davvero poco da aggiungere. Non solo.
Siamo rimasti sconvolti dall’incuria, dallo sporco dell’intera area e dall’indifferenza anche dei dipendenti di Firenze Parcheggi che lì lavorano e che a precisa domanda sullo stato delle cose hanno risposto come le tre scimmiette.

I nostri video sono stati segnalati al Quartiere e al Comune e sono stati anche oggetto di interrogazioni in Consiglio Comunale con il risultato che dopo molte promesse un anno dopo niente è cambiato!

Video 1 https://youtu.be/lSWr156CBbw

Video 2 https://youtu.be/Uyrxv0yq8WE

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*