Cybersecurity, inaugurato a Pisa il centro di competenza regionale

news_img1_67485_connessioneTaglio del nastro a Pisa per la sede del Centro di competenza per la cybersecurity, primo e unico al momento in Italia.
Le stanze che occuperà sono quelle all’interno di una palazzina nel parco dei vecchi macelli, che condividerà con un incubatore di spinoff e startup già attivo da qualche tempo e il Museo degli strumenti del calcolo, che ospita tra l’altro il primo calcolatore italiano nato negli anni Cinquanta del Novecento con il contributo del pubblico: un computer – o meglio una calcolatrice elettronica, la Cep – che allora occupava un’intera stanza e la cui potenza di calcolo era inferiore a quella che oggi sta nelle nostre tasche, in un cellulare, o negli apparecchi di domotica. Passato, presente e futuro dunque in un unico luogo.

A Pisa, nei Vecchi Macelli, ci sono gli spazi anche per ospitare iniziative di formazione.
Un’altra sede del centro sarà a Firenze, presso il Tix della Regione e si occuperà nello specifico della sicurezza nella pubblica amministrazione. L’inaugurazione si è svolta nell’ambito di IF2018, l’Internet Festival che da giovedì fino a domenica, per quattro giorni, sta animando in modo diffuso la città in dieci diversi luoghi.

“La cybersecurity è un tema che diventerà importantissimo nei prossimi anni e che oggi in troppi sottovalutano – spiega l’assessore all’innovazione della Toscana, Vittorio Bugli -. In un momento in cui i dati della pubblica amministrazione stanno sempre più on line e quelli delle aziende con l’industria 4.0 pure, e sono destinati ad aumentare con l’incremento del rapporto con il pubblico, si rischia in pochi secondi di perdere un patrimonio costruito nei decenni: patrimonio aziendale e di conoscenze, dei cittadini e della pubblica amministrazione”.

“Avere una squadra formata da tutte le università toscane, dal Cnr e dalla Regione all’interno di un centro di competenza che noi abbiamo finanziato nella parte iniziale – aggiunge – credo che sia fondamentale. È la prima esperienza in Italia, proviamo volentieri a fare da modello”.

Il centro sarà una sorta di think tank, luogo di progettazione delle strategie della coalizione fra Regione, Università di Firenze, Pisa e Siena, Imt di Luca e Cnr. Ma sarà anche un luogo a cui imprese e pubbliche amministrazioni potranno rivolgersi e presso il quale potranno essere formate le professionalità adeguate.

La cybersecurity è un asset fondamentale della nostra società. Spesso non siamo consapevoli dell’enorme scambio di dati e di informazioni che avvengono sulla rete attraverso gli oggetti che ci accompagnano nella vita di tutti i giorni, attraverso i servizi on line e gli applicativi che girano sul cloud. E si moltiplicheranno nel futuro.
Il centro regionale nasce per proteggere questi dati e queste informazioni.
“Mettersi in sicurezza – sottolinea Bugli – non è solo una necessità tecnologica, ma un tassello fondamentale per garantire i dati personali, la piena operatività aziendale e la vita sociale. Gli attacchi informatici riguardano tutti oramai. Le contromisure ci sono, ma scarsa è la percezione del rischio”.

Università toscane e Cnr, sotto l’ombrello della Regione, metteranno in comune le loro esperienze scientifiche e capacità tecnologiche, i loro laboratori, metodi, strumenti e capitale umano a vantaggio dell’intero sistema toscano, pubblico e privato. Sarà un luogo di studio ma anche di elaborazione di strategie.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*