Da Firenze irrompe… il Sussurro Gotico di Asprella & Blaco!

Si chiama Sussurro Gotico. È un piccolo grande universo creativo ideato da Andrea Asprella e Massimo Blaco, al quale si accede non da porte comuni, ma da una variante dark delle porte della percezione, seguendo una traiettoria che conduce direttamente sia alle radici della conoscenza interiore – Aldous Huxley docet – sia alle fondamenta del rock, quello bello degli anni ‘60, nella fattispecie… The Doors.

The_Doors_1968Entrare in Sussurro Gotico significa dunque assumere un atteggiamento aperto, quasi identificarsi in un varco. Usando un esempio cinematografico caro a chi scrive (e non solo), è una situazione di cammino e perdizione assai simile a quella che vive Susy Benner (Jessica Harper) quando, nel primo Suspiria (quello vero di Dario Argento del 1977, non la ridondante e inutile recente replica di Luca Guadagnino), attraversa aeroporto e città di Friburgo in una notte buia e tempestosa…

harper-on-the-set-of-1977s-suspiria
Superato e digerito questo inevitabile passaggio di interiorizzazione, possiamo proseguire e scoprire che il primo impatto concreto con Sussurro Gotico è, attualmente, un approccio on line, ovvero la pagina Facebook https://www.facebook.com/SussurroGotico/, attraverso la quale possiamo vedere e ascoltare brani di letteratura, naturalmente gotica, scelti e interpretati da Massimo Blaco e accompagnati da immagini e suoni assemblati da Andrea Asprella.
Passano così davanti ai nostri occhi, per ora, un racconto breve di Edgar Allan Poe, Ombra, Una Parabola (scritto nel 1835 e pubblicato nel 1840 fra i Racconti del grottesco e dell’arabesco), il classicissimo di Ambrose Bierce Un Cittadino di Carcosa (1886), e un must di Howard Phillips Lovecraft, La Festa, scritto nel 1923 e pubblicato nel gennaio del 1925 sulla rivista Weird Tales. Uno splendido trittico che, al di là dei mondi culturali che accompagnano i tre grandi autori e che emergono, come punte di iceberg, nei video di Sussurro Gotico, si sostanzia anche dei percorsi individuali dei due singolari… “sussurratori”, Andrea Asprella e Massimo Blaco.

sussurro_2Già, ma chi sono i componenti di questo particolare duo artistico e come presentano la loro creazione? Andiamo in ordine alfabetico…
Andrea Asprella, produttore e sound designer del sodalizio, fiorentino del 1980, quando va al cinema, preferisce i film di David Lynch, Lars Von Trier, Quentin Tarantino, George A. Romero, Lucio Fulci e Umberto Lenzi, e comunque ama i generi horror, thriller, giallo, poliziesco e trash. Per l’ascolto, si indirizza verso la musica metal, dark-wave, post-rock, progressive rock, elettronica. I libri? Letteratura gotica, fantascienza e gialli. I suoi hobby? Escursionismo, mountain-bike, home audio&video producing, djing.
Andrea, per te cosa è Sussurro Gotico? “È un progetto che mira alla condivisione di sensazioni e stati d’animo, in questo caso sotto forma di audioracconti gotici, musica e immagini, che hanno costituito una parte fondamentale del nostro background. È un’idea che vede luce (luce?) grazie alla preziosa cooperazione e l’assecondamento di Massimo, actor-reader, compagno di viaggio con il quale ho sempre condiviso culturalmente parecchio materiale inerente alle nostre passioni”.
Già, Massimo Blaco, il narratore, pure lui fiorentino, classe 1964. Le sue scelte cinematografiche sono praticamente le stesse dell’amico Andrea: David Lynch, Lars Von Trier, Quentin Tarantino, George A. Romero, Lucio Fulci e Umberto Lenzi, ma con due aggiunte significative, quali Joe D’Amato e Bruno Mattei. I generi? Horror, thriller, giallo, poliziesco e trash. La sua scelta musicale spazia dagli Abba a Rob Zombie! In letteratura, si nutre di horror, gotico e thriller. Come hobby, oltre all’amatissima musica, ha il teatro, il cinema e i fumetti.

Massimo Blaco“La passione per la letteratura – racconta Blaco – nasce in me con un regalo di mio padre per il mio tredicesimo compleanno: Edgar Allan Poe Opera Omnia, volume che ho ancora, un po’ usurato ovviamente dalle tante ore passate nella lettura, alla scoperta di un portale sul mondo letterario dove ho incontrato appunto Poe, e poi Lovecraft, Bierce, Blackwood, Shelley, Polidori, Le Fanu, Doyle, subendo il fascino magnetico del lato oscuro e fantastico dei loro racconti, pieni di incontri inconsueti o bizzarri con i mostri, le entità benevole o maligne, spettri, ghoulies, revenantes, zombies, streghe… storie che principalmente si ambientano in grandi magioni decadenti, castelli spettrali, boschi e radure, seriosi monasteri e cripte nascoste, con il sottofondo di lunghi temporali notturni alternati a notti senza luna, oppure con lune piene con i loro presagi. Da qui a partecipare all’idea di Andrea il passo è breve. Anche gli effetti speciali sonori che accompagnano i racconti sono costruiti ad arte per ogni singola lettura. Mi piace raccontare storie e ,in Sussurro Gotico, l’attinenza a uno dei miei generi preferiti mi prende la mano, così, mentre leggo, rivivo le emozioni di quel tredicenne che, imbattutosi in un ‘cuore rivelatore’, lo sente ancora battere dietro quella porta socchiusa”.
Il domani di Sussurro Gotico? “Sussurro Gotico – rispondono all’unisono – vorrà da grande diventare anche una community e un raccoglitore di arti che gravitano intellettualmente intorno al tema gothic e dark, cinema, musica, letteratura, pittura e spiritualità. Si ‘sussurra’ inoltre di esordire con video-letture dei nostri autori gotici filmati in presa diretta in location interessanti, molto interessanti! Non vogliamo svelare altro: chissà cosa accadrà?”.
Bravi ragazzi e, citando il testo dell’omonima canzone di Edoardo Bennato, “ora si tratta solo di aspettare”. Che l’attesa sia breve però!
Intanto, stay tuned su https://www.facebook.com/SussurroGotico/

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*