Da Kottu: alla scoperta della cucina singalese

20171211_134707 Nel vasto, in tanti (troppi) casi variegato mondo della cucina etnica a Firenze abbiamo scoperto, e vi consigliamo Kottu per chi voglia scoprire le meraviglie della cucina singalese.

A Firenze da quando sono sbarcati i ristoranti etnici è successo di tutto e di più e, la presenza in città di locali che a nostro avviso non dovrebbero nemmeno alzar bandone ha un po’ confuso le idee.

Il fiorentino si sa è notoriamente curioso, ma altrettanto è scettico.
Davvero difficile accontentare chi conosce solo 20171211_135532sua maestà la bistecca, specie se con proposte non consone…

Un errore. Approfondire le cucine di altri popoli è un’azione culturale. E’ conoscere, ma oggi pare quasi un atto eroico quello di comprendere popoli, storia e tradizioni.

Conoscere la vera cucina etnica è un momento in cui fermarsi, buttare dietro le spalle idee e pregiudizi. E’ parlare, conoscere e capire. A tavola da sempre ad esempio si fanno affari, si è fatta la storia. Capire la tavola è 20171211_135556importantissimo. Non è solo spadellare…

Sarà perché ci occupiamo di agroalimentare e vino prima che si chiamasse food e wine e che intendiamo la professione nel senso vero del termine: informare su cosa ingeriamo nel nostro corpo.
Sarà anche perché avendo qualche capello bianco siamo nati nell’era giornalistica pre spadellatori da tv e chef divi; fatto sta che, chi scrive e tutta la nostra redazione così come quella di Gustarviaggiando e The Tuscany amano ancora emozionarsi ed andare a conoscere.

Così mi sono seduta con curiosità ai tavoli di Kottu, piccola bottega di via Arnolfo, già negozio di ortofrutta con la stessa gestione, dove una giovane coppia cingalese accoglie l’ospite con un sorriso sereno e splendente che mette a proprio agio.
Sampath è in Italia da quindici anni ma ha un’ampia esperienza nella ristorazione (e si sente), la sua giovane sposa Chamari così bella che sembra uscita da un cartellone pubblicitario solo da sette, ma vorrei io avere la loro padronanza della lingue e del senso vero di ospitalità.

Uno sguardo all’ambiente, essenziale e accogliente senza troppi falsi fronzoli e un menù fatto di pochi piatti, ma precisi.
Mi lascio guidare nella certezza che devo provare il Kottu, un po’ piatto nazionale e sicuramente grande esempio del cibo di strada del mondo.
Un mix fatto da un pane non lievitato (tipo la nostra piadina) tagliato e mescolato secondo i gusti con carne, pesce, ma anche solo vegetariano.
Nell’attesa l’entrée é composta dallo stesso pane non lievitato singalese e un’eccellente salsa piccante-dolce al mango appena fatta.
E poi ecco lui, il Kottu che all’occhio conquista coi suoi colori e all’assaggio è un esplosione di sapori: verdura freschissima appena tagliata, pesce nel mio caso, spezie e salse che sorprendono per delicatezza e piccantezza tenute in un equilibrio che rasenta la perfezione.
Ottimo anche il pollo al curry del mio compagno di assaggio e scordatevi in questo caso l’omonimo indiano. Siamo in un altra dimensione anche se la piccola isola a forma di perla è vicina alla grande India. Un mondo fatto di delicatezza.

Ecco il grande errore di noi distratti cittadini dell’occidente.

Essere veloci, troppo. Frenetici non fermarsi e nemmeno soffermarci sulla conoscenza. Confondere i due paesi (comunissimo se si parla di tavola) è un po’ come dire che la cucina italiana e francese sono uguali….
Lo Sri Lanka a tavola non è sapori forti e curry. Rappresenta la sua storia, il suo essere da sempre crocevia delle rotte della seta e delle spezie; crogiolo di razze e colori. Qui sono arrivate influenze e sapori orientali, indonesiane e non solo indiane e così la tavola sì fa elegante e delicata. Ingredienti ottimamente bilanciati, profumi delicati e mai coprenti e sapori sorprendenti.

Da Sampath e Chamari c’è tutto questo. Il cuore dell’isola a forma di perla con in più il loro entusiasmo e la loro forza. Oltre ai loro sorrisi.
Da provare assolutamente!

Kottu – Via Arnolfo 21/r Firenze
Tel. 055 661290 (chiuso la domenica)
https://www.facebook.com/Kottume/

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*