Firenze: Il parco Mario Luzi non c’è!

Là dove c’era l’ex campeggio Michelangelo e dove sarà il parco intitolato a Mario Luzi c’è un campeggio gratis con vista Cupolone. E il parco?

CampingMichelangelo3Era il febbraio del 2013 quando l’allora Sindaco di Firenze Matteo Renzi annunciò che una delibera di giunta aveva stabilito che l’area in cui ancora insisteva il campeggio Michelangelo sarebbe stato trasformata in un parco intitolato al poeta Mario Luzi.
Il campeggio si assicurava si sarebbe trasferito dopo il mondiale di ciclismo (settembre 2014) nella nuova area individuata a Rovezzano.

L’atto di giunta ribadiva il trasferimento doveroso Camping Michelangelo2del campeggio data “la valenza di interesse pubblico” di poter recuperare la disponibilità dell’area comunale.
L’Assessore al turismo Cristina Giachi che aveva proposto la delibera dichiarava: “Abbiamo approvato una delibera importante per il futuro di un’area tra le più belle e suggestive della città. Si avvia concretamente il percorso per la realizzazione del parco collegato al giardino dell’Iris, voluto anche dal poeta Mario Luzi”.

CampingMichelangeloNel frattempo il campeggio è rimasto lì per altri due anni oltre ai Mondiali di Ciclismo alimentando anche polemiche dato che nell’estate del 2016 il consigliere comunale Tommaso Grassi contestava come la pizzeria all’interno del camping fosse aperta anche agli esterni e del parco dedicato a Mario Luzi uniche notizie che abbiamo sono la risposta a un question time del consigliere comunale Alessio Rossi del 2018 che chiedendo lumi si è sentito rispondere che, nonostante CampingMichelngelo1l’ordine del giorno approvato nel 2016 indicasse all’amministrazione di rientrare in possesso di quegli spazi immediatamente, si sa che solo il primo lotto è concluso ma che per il secondo lotto mancano all’appello 200 mila euro che non sono stati stanziati nell’ultimo riassetto di bilancio della prima amministrazione Nardella.
E a questo punto anche l’ultima data indicata del 2021 pare molto ottimistica data la situazione IMG-20190818-WA0000IMG-20190818-WA0001attuale degli spazi. Abbandonati.

E dato che il parco sognato e voluto dal poeta Luzi prima della sua morte e che idealmente deve collegare le terrazze nobili di Firenze (giardino dell’Iris e delle Rose) rimane un sogno, la dove c’è abbandono e nessun controllo c’è chi se ne approfitta.

Del resto è un gioco da ragazzi farsi spazio fra il cancello principale sommariamente allucchettato, oppure in alternativa, fare un bel buco (anzi due) nella rete della bellissima strada selciata di via San Miniato nel tratto che da via dei Bastioni sale al Piazzale e il gioco è fatto.

Le tende-bungalow del resto sono sempre lì, nessuno ha pensato almeno di smantellare smontando e togliendoi manufatti dell’ex campeggio e così, in attesa di veder nascere il parco Luzi, chi non ne approfitterebbe per dormire (gratis) in un posto così?

Sognato, vissuto e narrato da tanti turisti negli anni di attività del campeggio e che hanno riempito la rete delle emozione vissute a dormire su uno degli affacci naturali più celebri del mondo.
Del resto a vedere il sito, sempre attivo, della gestione del campeggio l’emozione di una notte sotto le stelle di Firenze è viva. Si legge in home page.
“Quando sei dentro il camping Michelangelo sei già dentro la città di Firenze; nello stesso momento, ti puoi rilassare immerso nel verde e con una vista mozzafiato sulla culla del Rinascimento. Proprio sul famoso piazzale Michelangelo, il campeggio ti permette di sistemarti a soli 10 minuti a piedi dal centro del capoluogo toscano, dalle bellezze che offre la città di Firenze…la bella Firenze…”

E infatti sono tanti davvero quelli che si rilassano nel verde del piazzale con una vista mozzafiato su Firenze. Peccato solo che nessuno gli ha autorizzati a farlo e che lo stiano trasformato in un enorme discarica con vista….

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*