Il piazzale Michelangelo e la terrazza del condominio

edf

Se abitate in un condominio sapete bene che per fare qualsiasi cosa l’amministratore deve  prima sentire i condomini, indire una riunione, far fare preventivi e via dicendo.

Ora mettete il caso che il vostro palazzo sia dotato di una bella terrazza e che un’azienda la voglia a tutti i costi per fare un evento esclusivo. Cosa dovrà fare l’amministratore di condominio che voi avete scelto e pure riconfermato?

Dovrà consultarsi con voi, visto che l’evento vi potrebbe creare qualche disagio, dovrà farsi dare tutte le autorizzazioni e controllare che tutto sia a posto e dovrà fissare un costo di affitto.
Il ricavato dovrà essere investito nel condominio e  spetterà ai  condomini scegliere come investire quei denari. E tutti dovranno essere d’accordo.

Bene ora considerate Piazzale Michelangelo. Se non ci siete passati forse  non avete visto che né i fiorentini né chi ha fatto ore e ore di volo per ammirare il nostro panorama potrà farlo come di consueto dalla piazza.

Una muraglia di teli neri a copertura di gradinate che guardano verso la città oscura la vista.

Il David guarda attonito quello che  gli sta accadendo intorno pensando: “ma come? Mi restaurano le rampe e poi mi soffocando  la piazza per 10 giorni?
Il Piazzale Michelangelo è la terrazza del condominio Firenze, 380.000 condomini di ogni ordine e grado.

La terrazza “condominiale”  che appartiene a tutti i fiorentini sarà la sede della festa per il 90° anniversario  di Luisaviaroma.  Novanta top model che sfileranno con una collezione anni’90.

Cosa ci guadagnano i fiorentini?  Avranno sgravi  sulle tasse comunali? Saranno restaurate aree di decisivo interesse pubblico?  Se l’esclusiva  maxi sfilata ha un costo di 5 milioni di euro,  quando ricade nelle tasche dei fiorentini che hanno dovuto subire disagi su disagi?

Ogni fiorentino dovrebbe sentire come “proprio” il patrimonio della città.  E il piazzale è la sua terrazza condominiale. Ora visto che in Duomo per entrare ci vuole “un invito”, per battezzare un fiorentino bisogna andare in una chiesa qualsiasi perché il Battistero è un museo, non rimaneva che il Piazzale.
L’amministratore di condominio però una riunione con i condomini prima di prendere certe decisioni la potrebbe anche fare. Molti gli hanno firmato la delega a vita ma altri no.

Se poi aggiungete che insieme all’affitto della terrazza nello stesso momento abbiamo affittato anche il giardino (FirenzeRock alle Cascine) e  Nella dependance abbiamo organizzato un’altra grande festa che richiama gente il gioco è fatto!

#fatevobis tanto per restare sul maccheronico.

 

Grazie per averci letto!
Se sei arrivato fino a qui hai apprezzato il nostro giornalismo. Un giornalismo libero non allineato al pensiero unico. Lo hai fatto senza pagare nulla perché siamo convinti che nel grande caos dell’informazione della rete sia difficile orientarsi. Crediamo anche che tutti i cittadini abbiano il diritto di accedere a un’informazione libera, indipendente e professione.
Purtroppo il giornalismo che cerchiamo di offrire richiede tempo e molto denaro. I professionisti che cercano le notizie e le verificano prima di darle in pasto alla rete hanno un costo. Non abbiamo ricavi dalla pubblicità e ci piacerebbe avere più collaboratori e poterli pagare per garantire sempre questo standard di informazione.
Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro facendoci una donazione. Chiedi come a majacomunicazione@gmail.com

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*