Il venerdì delle sardine fritte

Venerdì pesce!

E’ così da sempre e ora più che mai. Siccome siamo in periodo di rivalutazione del pesce povero del Mare Nostrum e le sardine fin’oggi bistrattate sono molto modaiole facciamo due ragionamenti insieme.


Un venerdì speciale

Venerdì pesce!
La data per eccellenza del mangiar pesce e degli scioperi italici che non troppo casualmente è l’ultimo giorno lavorativo della settimana per favorire il week end lungo questo ultimo venerdì del mese si trasforma in un venerdì speciale.

Il 29 novembre sarà il venerdì in cui tornano a scendere in strada i discepoli della trecciuta e incazzata ragazzina svedese.
Quei giovani che manifestano contro il clima, come se questi fosse qualcuno con cui sedersi a trattare in concertazione.
Quei giovani che nel loro fervore adolescenziale spesso manifestano dimenticandosi nelle piazze tappeti di cicche in terra da questo venerdì perdono la verginità.

Addio innocenza…

E’ il venerdì in cui decidono di consegnarsi alla politica perdendo così quel poco di parvenza di autenticità.
Il loro abboccamento (l’espressione non è casuale) con le sardine segna il tramonto di un sogno giovanile.
Politicizzarsi è il modo migliore per sparire nel nulla come nel nulla sono spariti, ed è storia, altri movimenti partiti come spontanei.

Black Friday. Come dare significato al niente

Non ci soffermeremo neanche sul tema di questo sciopero perché “protestare” contro il Black Friday fa sorridere. Non è quel giorno il demone consumistico fatto persona. E’ banalizzazione pura riempire di significati che non ha una stupida festicciola made in Usa.

Venerdì? Sardine fritte!

Vogliamo soffermarci solo sul venerdì pesce! Sul doppio suicidio prefestivo di due movimenti che hanno regalato sogni e sperane a generazioni diverse e che unendosi in un abbraccio mortale si consegnano direttamente dalla cronaca alla storia.

Venerdì pesce. Meglio se sardine fritte!

E se proprio vi abbiamo appassionato vi regaliamo anche la ricetta di questo meraviglioso piatto povero italiano

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*