La Danza Macabra di Strindberg al Cestello di Firenze: ne parliamo con Marco Lombardi

Sabato 2 e domenica 3 novembre il regista Marco Lombardi e la Compagnia Giardini dell’Arte portano al Teatro Cestello di Firenze Danza Macabra, due atti del drammaturgo August Strindberg, rappresentato per la prima volta il 29 settembre 1905.

lombardi

“Rappresentare Strindberg è per me oggi un grande privilegio – spiega Lombardi -, ma anche una grande responsabilità. Dopo oltre venticinque anni di attività teatrali sui palchi dei teatri fiorentini e oltre, prima come attore e in seguito come regista, sentivo l’esigenza di tornare alle origini del mio percorso, mettendo in pratica le scoperte condivise con il maestro Pietro Bartolini, con il quale ho mosso i primi passi all’Accademia Teatrale di Firenze. Sentire e vivere di tematiche forti legate alla propria esistenza è diventato fondamentale per me nella scelta dei testi da mettere in scena e Strindberg, con la sua lucida e visionaria follia, rappresenta il dramma dell’uomo moderno, disegnandoci volti e caratteri di esseri umani nei quali ritroviamo l’attuale disfacimento dei valori dell’uomo. Esseri umani squilibrati nelle loro lacune e nelle loro angosce, appesi fra la vita e la morte. In Danza Macabra, vengono fuori tutta la perfidia e il risentimento che si generano all’interno di una coppia alla soglia dei venticinque anni di matrimonio, imprigionata nella noia e nella monotonia del loro incedere quotidiano. Dalla convivenza di due persone comuni, ordinarie, anche banali se vogliamo, emerge un inquietante e tormentato inferno. Entrambi assistono alla metamorfosi dell’altro e di loro stessi, che danzano intorno alla vita e alla morte. L’inquietudine e il tormento che si portano dentro li trascina in una lotta omicida fatta di spietata malvagità. Ognuno a suo modo cova rancore e vendetta e usa una forte violenza psicologica per sovrastare l’altro”.

strindberg_locandina

Come si sente alla vigilia del debutto?

“Sono molto curioso ed emozionato. In un lavoro di forte complicità con gli attori, ho adottato la scelta di sperimentare un percorso per me nuovo, restituendo l’opera in maniera grottesca, ironica e fortemente sopra le righe. Così mi sono riappacificato con la durezza del testo”.

Ci presenti la Compagnia Giardini dell’Arte…

“I Giardini dell’Arte nascono nel 2006 dall’incontro di Marco Lombardi e Aldo Innocenti, usciti dall’Accademia Teatrale di Firenze. Il nome prende spunto dalla prima opera messa in scena, Un giardino di aranci fatto in casa, di Neil Simon. Dopo due anni entrano a far parte della compagnia Maria Paola Sacchetti e Caterina Boschi, con le quali si crea un rapporto di forte complicità artistica. Così come con le due collaboratrici/attrici storiche Fiamma Mariscotti e Sandra Bonciani, fino ad arrivare al preziosissimo e geniale scenografo Lorenzo Scelsi. La famiglia dei Giardini dell’arte ha il vanto di aver ospitato negli anni oltre un centinaio di persone fra attori e collaboratori. In Danza macabra, saranno accanto ad Aldo Innocenti due attori che reputo straordinari: Laura Bozzi e Marcello Sbigoli. Breve storia ma subito premiata nel 2006 e nel 2007!”

strindberg5

Progetti futuri?

“Più che di progetti, si tratta di percorsi già intrapresi. Debutteremo con un altro Strindberg l’1 e il 2 febbraio 2020 al teatro Lumiere con Signorina Julie (testo straordinario) e con Un tram chiamato desiderio il 22 e 23 febbraio 2020, sempre al Cestello”.

Chi è Marco Lombardi e qual è il suo sogno?

“Il mio percorso è iniziato tanti anni fa, ridendo e scherzando con I Malandra di Luca Messeri, per poi trasferirmi dal già citato Pietro Bartolini all’Accademia Teatrale di Firenze. A lui devo davvero tanto. Il mio sogno si realizzerà in questa stagione con la messa in scena di Signorina Julie, testo che amo in maniera viscerale. L’altro sogno è continuare a far crescere i Giardini dell’arte, con cui negli ultimi anni abbiamo calcato palcoscenici importanti in giro per l’Italia”.

strindberg43

Teatro di Cestello, piazza di Cestello 3, Firenze. Sabato 2 novembre, ore 20.45, e domenica 3 novembre, ore 16.45: Danza Macabra, di August Strindberg, con Aldo Innocenti, Laura Bozzi, Marcello Sbigoli e Sandra Bonciani. Assistente alla regia: Sandra Bonciani. Costumi: Fiamma Mariscotti. Scenografia: Lorenzo Scelsi. Disegno luci: Silvia Avigo. Musiche: Stefano De Donato. Regia: Marco Lombardi.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*