La delibera Mucci diventa realtà in tutta Firenze

Una notizia attesa e doverosa quella di una task force per abbattere le barriere architettoniche. Grazie ad Andrea Mucci, consigliere del Quartiere 2 che dopo l’approvazione nel suo quartiere ha portato l’idea sulla scrivania del Sindaco che oggi ha deciso di adottarla.

L’amministrazione comunale di Firenze farà sua la delibera del quartiere 2 voluta dal consigliere Andrea Mucci per costituire una task force per la mappatura e l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Saranno 2 milioni gli euro che la giunta Nardella metterà a disposizione da qui al 2024 per rendere Firenze una città accessibile.

Una risposta alle polemiche scatenatesi all’indomani del tragico incidente che ha portato alla morte di Niccolò Bizzarri.

Un’azione di civiltà, un evento che pare straordinario quando dovrebbe essere ordinario. La “delibera Mucci” va solo a riempire un grande vuoto di civiltà.
Pare quasi assurdo che si debba portare avanti una campagna mediatica per molti anni (Mucci ha iniziato nel 2012 il suo #mollaloscivolo) in nome di un qualcosa sancito dalla Costituzione italiana.

Abbiamo raggiunto Andrea Mucci, a cui questo magazine ha sempre dato spazio subito dopo l’annuncio in aula di Nardella.
“Ho appreso questa bella notizia dal presidente del quartiere 2 Michele Pierguidi – racconta lasciando trasparire gioia ed emenzione – con cui ho iniziato dopo l’estate a lavorare alla delibera che è stata approvata all’unanimità dal Consiglio di Quartiere 2 a novembre e per questo ringrazio tutti i colleghi consiglieri della maggioranza e dell’opposizione.
A fine novembre sono stato ricevuto dal Sindaco Nardella e anche a lui ho presentato la mia idea, ma non pensavo che il sindaco e la sua giunta avessero fatto loro l’idea di una task force e in tempi così stretti.
In cosa consiste la task force? Pensiamo ad una rete composta da tutti i cittadini in cui possano affluire tutte le segnalazioni (strisce pedonali non ben visibili, ostruite da auto in sosta selvaggia, attraversamenti pedonali ed incroci senza scivoli, etc..) che poi dovranno essere velocemente verificate e risolte dagli uffici tecnici abbattendo non solo le barriere architettoniche ma i tempi, spesso lunghissimi, che intercorrono fra la segnalazione e la risoluzione del problema.
Sono molto felice di essere oggi a questo risultato, ma adesso iniziamo a lavorare!”

Lascia però l’amaro in bocca che il tragico destino di Niccolò Bizzarri abbia accelerato un’azione concreta che noi di Firenze Wow auspichiamo da tempo, come da tempo seguiamo Andrea Mucci, la sua forza e il suo coraggio gentile nel portare avanti una battaglia di civiltà al punto che con lui abbiamo fatto la “Scarrozzata” lo scorso marzo.

Video della “Scarrozzata” di Andrea Mucci fra gli ostacoli della città


Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*