Politica a colpi di post. Rossi risponde alla figlia dell’anziana donna derubata in casa

Ormai siamo abituai a vedere la politica fatta a colpi di post e tweet. Non so come la pensate voi ma io credo che  se da un certo punto di vista questo avvicina le istituzioni ai cittadini dall’altro toglie alle prime valore e potere. Però mette inrisalto la migliore qualità dei politici: il tempismo!
Nella notte un’anziana signora è stata rapinata in casa, picchiata, intimorita e derubata di uno dei suoi ricordi più cari: in oro naturalmente. Argento e perle son restati nei cassetti.  La figlia amareggiata scrive allora un lungo post su Facebook che, come era ovvio, suscita delle reazioni. Come dire: ha buttato alcol sul fuoco.

La risposta del Governatore Enrico Rossi arriva puntuale e ringrazia la signora che, sempre su Facebook, si è dissociata da insulti razzisti e parole d’odio”  ma approfitta dell’occasione per dire che:

“Come ha ricordato in audizione al Parlamento il prefetto Gabrielli -prosegue Rossi – l’organico di polizia in tutto il Paese è carente e l’età media degli agenti non è congeniale a svolgere al meglio i compiti di controllo del territorio. Mancano cento agenti solo a Firenze e 20 mila almeno in tutta Italia. Per svolgere l’attività di presidio delle strade e dei quartieri nel modo più efficace possibile è necessario l’impegno e l’azione del Ministero dell’Interno, in particolare di chi ne è massimo responsabile, che deve procedere all’assunzione dei poliziotti che mancano”.

Ma scusi presidente ma se i poliziotti sono sotto organico chi dobbiamo ringraziare? La situazione è nota da tempo e  “l’attuale massimo responsabile” non ne era il responsabile fino ad un mese fa quindi…la colpa è retroattiva?
le domande nascono spontanee: è solo un problema di organico o c’è dell’altro? NOn è che i ladri che picchiano le anziane signore disdegnando perle e argento vadano osservati sotto un’altra luce perchè fanno parte di un problema diverso dall’organico?
Queste gazze ladre amanti del luccichio giallo dell’oro una volta arrestate dai poliziotti in organico che fine fanno? Restano in gabbia o dopo qualche ora tornano libere nell’aria?

Rossi  continua nella sua risposta alla signora: “Per parte nostra nonostante le competenze della Regioni in materia siano molto limitate, abbiamo deciso di fare la nostra parte. In questi anni abbiamo messo in campo molte misure, dalla videosorveglianza all’animazione commerciale e culturale dei quartieri, dalla riqualificazione urbanistica alla formazione degli agenti. E oggi abbiamo presentato nuove iniziative. Per i prossimi tre anni la Regione sosterrà le spese dei Comuni per gli stipendi di ottanta nuovi agenti che saranno assunti per svolgere funzioni di vigile di quartiere. Inoltre aumenteremo i controlli sui treni regionali attraverso l’impiego di guardie giurate. La sicurezza è un diritto dei cittadini – conclude – e va garantita agendo con determinazione e razionalità. Non serve né strumentalizzare né soffiare sul fuoco delle paure”.

Due le domante (per non tediare troppo ma sarebbero molte di più):  per animazione commerciale si intende la movida molesta? E come mai proprio oggi sono state presentate nuove iniziative? Cosa ha bloccato la Regione fin qui? Vien da pensare…

Meditate gente mediate…e un consiglio: regalate perle sono un ricordo più duraturo, a  far piangere oggi è l’oro!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*