Sanità: ambiti territoriali rivisti

Iniziato oggi l’iter che porterà alla votazione in regione Toscana della proposta di legge “Disposizioni in merito alla revisione degli ambiti territoriali delle zone distretto. Modifiche alla legge regionale 40/2005 e alla legge regionale 41/2005”.Stefano Scaramelli (Pd), che presiede la commissione, ha spiegato che poi si proseguirà con le consultazioni e con una serie di audizioni a cui saranno invitati tutti i sindaci della Toscana, per arrivare poi a discutere e a licenziare la legge entro il prossimo febbraio.

Sanità e maggiore efficenza, questo l’biettivo.   E pare che ci si arrrivi con ambiti zonali ridotti da, 34 a 26, riduzione effettutata sulla base di alcuni criteri. Le nuove zone distretto non potranno  comprendere più di 25 Comuni, né popolazione inferiore a 50mila abitanti. Inoltre non potranno esserci zone distretto i cui Comuni afferiscano a due Asl differenti questo perchè pare che  che il 90 per cento dei bisogni socio-sanitari dei cittadini si riferisca alla zona distretto di appartenenza.

Dunque le zone arcopate saranno:  Alta Val di Cecina e Val d’Era; Bassa Val di Cecina e Val di Cornia; Empolese e Valdarno inferiore; Amiata senese, Val d’Orcia e Val di Chiana senese;  Aretino, Casentinese e Valtiberina; Amiata grossetano, Colline metallifere e Grossetano.

Si legge nel comunicato stampa arrivato dalla Regione: “La proposta di legge detta una disciplina transitoria per garantire continuità nel passaggio dalle vecchie alle nuove zone distretto, prevedendo, tra le altre cose, il processo di fusione per incorporazione nell’ipotesi in cui nella stessa zona distretto esistano più Società della salute. Sono inoltre previsti incentivi per le zone distretto accorpate: 100mila euro all’anno, nel periodo 2017-2021, per ciascuna zona oggetto di accorpamento. ”

Staremo a vedere ma vista così non si capisce molto e non si capisce il risparmio e l’utilità per i cittadini e  visto il caos in cui vive la sanità toscana, nonostante chi vuole a tutti i costi dire che tutto funziona,  forse occorrerebbero ben altre “manovre”. Ma come detto: staremo a vedere.

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.firenzewow.it/wp-content/uploads/2016/08/Roberta.jpg[/author_image] [author_info]Roberta Capanni[/author_info] [/author]

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*