Siena: Buy Food anno zero. Le eccellenze alimentari toscane per il mondo

Prende il via a Siena la prima edizione di BuyFood Toscana, vetrina internazionale dedicata ai prodotti Dop, Igp e Agriqualità della regione Toscana, veri e propri ambasciatori del gusto toscano in Italia e all’estero.

Buyfood (1)Sono 50 i buyer attesi da tutto il mondo nel Complesso di Santa Maria della Scala, la prestigiosa location che ospita l’evento (riservato esclusivamente agli addetti ai lavori, buyer e stampa).

Una giornata che, ricalcando la fortunata formula di Buy Wine, cerca di sdoganare sui mercati esteri le nostre Dop e Igt che spesso hanno difficoltà a sfondare su mercati ostici.

Un fitto calendario di appuntamenti vedrà i buyer interagire con le 50 aziende presenti a rappresentare i 16 Consorzi e Associazioni di Buyfood (3)tutela.
Previsti anche momenti di approfondimento che vedranno la presentazione di ricerche esclusive e il talk show condotto da Luisanna Messeri che avrà per protagonisti i consorzi e i loro prodotti, interpretati da chef e originali testimonial.
L’edizione zero di BuyFood Toscana è organizzata dalla Regione Toscana in collaborazione con PromoFirenze, azienda speciale della Camera di Commercio di Firenze, grazie alla collaborazione del Comune di Siena e al supporto della Fondazione Qualivita. L’evento si avvale della sinergia di Vetrina Toscana, il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe che utilizzano prodotti tipici del territorio toscano.

Per l’occasione la città di Siena propone “Fuori BuyFood” opportunità unica dedicata a residenti e turisti di provare piatti speciali e menu a tema.
Grazie alla collaborazione di Fipe Confcommercio e Confesercenti con il coordinamento della Fondazione Qualivita, da venerdì 7 a domenica 9 giugno 31 ristoranti (di cui 9 del progetto Vetrina Toscana) aderenti alle due associazioni di categoria offriranno degustazioni e speciali menu con l’obiettivo di amplificare la promozione dei prodotti agroalimentari DOP, IGP e Agriqualità della Toscana.
Buyfood (7)Gli originali piatti proposti, pensati per accontentare anche i palati più esigenti e conditi con olio extravergine Toscano Igp, spaziano dalla più classica pappa al pomodoro a particolari preparazioni a base di Zafferano di San Gimignano Dop, dal carpaccio di Cinta Senese Dop alla mousse di Finocchiona Igp con pere caramellate. I ristoranti aderenti saranno riconoscibili dalla vetrofania del “Fuori BuyFood” (in allegato la lista completa).

Cinque le categorie di prodotti protagonisti a BuyFood Toscana 2019: “formaggi, latte e derivati”, rappresentati dal Pecorino delle Balze Volterrane DOP e dal Pecorino Toscano DOP; “olio extra vergine d’oliva”, che avrà per alfieri l’Olio extravergine di oliva Chianti Classico DOP, l’Olio extravergine di oliva Seggiano DOP, l’Olio extravergine di oliva Toscano IGP; “pani, dolci e farine”, con i Cantucci Toscani IGP, il Pane Toscano DOP, il Panforte di Siena IGP e i Ricciarelli di Siena IGP, a cui si aggiungono, per l’Agriqualità, la pasta secca e ripiena; “prodotti vegetali”, rappresentati dal Farro della Garfagnana IGP, dal Marrone del Mugello IGP e Castagna Monte Amiata IGP, oltre all’orzo tostato Agriqualità; “salumi e carni fresche”, presenti in forze con Cinta Senese DOP,  Finocchiona IGP, Prosciutto Toscano DOP e Vitellone bianco dell’ Appennino Centrale IGP.

I numeri dell’edizione numero zero fanno ben sperare dato che c0me è facile leggere c’è un buyer per azienda, ma colpisce anche, rimanendo alla lettura dei numeri, la frammentazione del marchio Toscana, forse vera causa per cui riusciamo poco a brandizzarci su mercati difficili e infarciti di “falsi”.
In Toscana con il record nazionale di consorzi di tutela e associazioni, ben 16, forse era plausibile aspettarsi una presenza più massiccia di aziende.
Ma siamo pur sempre ad un edizione numero zero e quindi sperimentale, spalmata per altro su una sola giornata. Noi ci speriamo e siamo fiduciosi…

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*